Recensioni‎ > ‎

Vieni via con me - Roberto Saviano

pubblicato 09 apr 2011, 15:18 da Libreria Italiana Lussemburgo   [ aggiornato in data 20 gen 2012, 03:42 ]
8 è il numero simbolo dell’infinito. Dell’impossibilità di uscire dal tracciato. Di trovare una fine, degna o no, non importa. Si ritorna sempre al punto di partenza. Con la matita si può percorrere l’8 infinite volte, fino a forare la carta con il segno ripassato della punta in grafite. E 8 sono i capitoli di “Vieni Via Con Me”, scritti da Roberto Saviano, autore di uno dei libri più importanti degli ultimi anni, “Gomorra”. Sono i suoi monologhi, che già milioni di persone hanno potuto ascoltare alla televisione, nel programma evento che è stato condotto dall’autore insieme a Fabio Fazio. 8 storie che offrono esempi positivi e più di una speranza, senza la paura di guardarsi in faccia. Cibo per gli occhi, chiusi anche, che non vogliono saperne nulla di mafia perché gente per bene, loro. Gente che uscita dall’ufficio e staccato lo sguardo dal videopoker del bar tabacchi all’angolo, torna a spiare il mondo da uno schermo al quinto piano di un palazzo grigio con gli infissi vecchi, ma dal contesto signorile (diceva l’agenzia), per farselo raccontare come piace, prima di dormire tra gli spifferi. 
Fazio e Saviano assieme se non piacevano bastava cambiare canale… e passava la paura. Moltissimi non l’hanno fatto, però. Hanno continuato ad ascoltare, nonostante il mal di stomaco, che forse era già un inizio di ulcera, continuando a interessarsi di appalti, cosche e politici, o di diritto alla vita, alle cure e alla comprensione. Milioni di orecchie che vivono nello stesso paese di Roberto Saviano, hanno ascoltato le sue storie, e le sue pause, pesanti, interminabili, necessarie. Milioni di occhi ora possono anche leggerle stampate, in versione arricchita, rivista e corretta, edita da Feltrinelli. 
Feltrinelli 2011, 160 pagine, 13.00 €.