Recensioni‎ > ‎

Sentire le donne - Aldo Busi

pubblicato 11 lug 2014, 06:33 da Libreria Italiana Lussemburgo
"Questo non è un libro per donne acquiescenti" scriveva nel 2002 Aldo Busi licenziando l'ennesima ristampa di Sentire le donne, la cui prima edizione risale al 1991. Da allora ne sono passate, di donne e di edizioni, e sempre questo libro irrequieto, incontentabile, usciva dall'ultima aggiornato e pimpante, pronto a raccontare di nuovo il mito per eccellenza dell'Occidente: le mille e una donna che nascondono dentro la borsetta di una femminilità fintamente misteriosa e sdrucita come l'Occidente, e forse come già il mondo. Catalogo di costumi e travestimenti italiani, campionario di fantasticherie erotiche diventate per i più un bel pezzo di realtà, assortimento di baruffe e balletti guancia a guancia con l'ossessione massima degli uomini, che non è amare le donne ma inventarsele, Sentire le donne si ripropone oggi nella sua edizione definitiva del momento, interamente riscritto e arricchito - di letteratura, non certo di pagine. Un'occasione unica per scoprire se le donne, nel frattempo, hanno scelto la borsa o la vita.
Comments