Recensioni‎ > ‎

Respiro corto - Massimo Carlotto

pubblicato 19 apr 2012, 07:49 da Libreria Italiana Lussemburgo   [ aggiornato in data 19 apr 2012, 07:57 ]
Lo scrittore padovano Massimo Carlotto decide di ambientare in Francia il suo ultimo romanzo.
Questa volta il maestro del noir ci porta tra i sordidi vicoli del porto più grande di Francia, a Marsiglia. La città rappresenta la porta d'accesso dell'occidente per chi arriva dal Nord Africa, è un crocevia strategico di affari, un luogo ricco di contraddizioni dove la criminalità spadroneggia e dove la politica e l'economia si mescolano con le mafie.
Qui il destino di quattro individui, molto diversi tra loro, è destinato ad incrociarsi. Le quattro persone sono un mafioso di San Pietroburgo, un criminale paraguayano di Ciudad del Este, un giovane aristocratico proveniente da Alang e un truffatore di New York.
Contemporaneamente il commissario della narcotici Bernadette Bourdet è determinata a combattere la criminalità, con ogni mezzo a sua disposizione. Per raggiungere il suo scopo comanda una squadra composta da agenti che sono stati cacciati da altri commissariati. Il suo modo di agire va contro le regole, ma i superiori lasciano correre, perchè i suoi metodi, pur non essendo legali, risultano efficaci. Bernadette è amica di un anziano boss della mala corsa, con il quale condivide l'opinione che la Marsiglia di una volta fosse un posto migliore in cui vivere. Respiro corto è un romanzo ad alta tensione che trascina il lettore in una vicenda criminale dagli esiti imprevedibili.

Einaudi 2012, 201 pagine,  17.00 €.