Recensioni‎ > ‎

L'esercito delle cose inutili - Paola Mastrocola

pubblicato 20 mar 2015, 04:56 da Libreria Italiana Lussemburgo
Sentirsi inutili ed essere felici non è impresa facile. 
Ce lo insegna Paola Mastrocola in L’esercito delle cose inutili, una favola bellissima e affascinante da leggere e rileggere in un mondo dove tutto deve avere un senso e deve condurre ad un’efferata produttività. Un giorno freddo di dicembre un libro e un asino s’incontrano lungo una strada deserta. Il libro si sta convincendo di quanto sia bello essere inutile, infatti il suo viaggio lo sta conducendo verso il cosiddetto Paese delle cose inutili e convince così il vecchio asinello ad andare con lui. Forse lì, anche il piccolo animale che non serve più a nessuno, troverà un suo posto. Tra funamboli, cantori, raccoglitori di conchiglie, macchine da scrivere, dischi, dizionari di latino e poesie, il libro e l’asino si sentiranno finalmente ben accetti. Il libro ne è convinto: lì saranno felici. L’asino Raimond però fatica ad incamminarsi lungo il viaggio dell’inutilità, non riesce a rassegnarsi e i ricordi di quando serviva davvero a qualcuno lo tormentano. Ogni settimana gli giungono magicamente delle lettere e queste sono il suo unico conforto della vecchiaia. Raimond ricostruisce così la storia di Guglielmo, un ragazzo molto introverso ed estremamente sensibile che affida a quei figli i suoi sentimenti e i suoi pensieri più nascosti. L’asino e il libro decidono di andare a conoscere Guglielmo e di cercare di salvarlo da quel bullo che gli rovina la vita. Il viaggio degli inutili cerca così di diventare utile in un paradossale racconto che l’autrice di Una barca nel bosco e di Che animale sei? rende straordinariamente filosofico e poetico. Accompagnati per l’appunto da L’esercito delle cose inutili, Raymond e il libro seguiranno strade poco battute per raggiungere il cuore di Guglielmo e l’utile e l’inutile diventeranno una sola e bizzarra cosa sola in questa favola contemporanea di Paola Mastrocola.

Comments