Recensioni‎ > ‎

L'erotismo di Oberdan Baciro - Lelio Luttazzi

pubblicato 19 apr 2012, 07:45 da Libreria Italiana Lussemburgo
L'erotismo di Oberdan Baciro è un racconto che rappresenta un'esilarante parabola esistenziale scritta da Lelio Luttazzi, musicista e presentatore televisivo di origini triestine che raggiunse l'apice del successo durante il secondo dopoguerra.
Siamo nella provincia di Trieste, agli inizi del periodo fascista. Oberdan Baciro è un ragazzino a cui è venuto a mancare il padre. Vive con la madre, una maestra tutta d'un pezzo che appoggia le idee del Duce. Oberdan è  tremendamente incuriosito dalle donne. Per lui l'altro sesso diventa quasi un'ossessione e, mentre le ragazzine si offrono per poi negarsi, lui rischia di impazzire per il desiderio. Nel piccolo paese di provincia in cui vive tutto è grigio e triste, non c'è vita e, come se non bastasse, la madre gli impone un'educazione molto severa. La sua smania di scoprire il mondo femminile non si placherà nemmeno quando prende la decisione di trasferirsi a Trieste, dove dopo aver scoperto di avere un incredibile talento musicale, diventerà un abile pianista.
E' lui con il suo pianoforte ad animare le feste del liceo, e proprio in una di queste occasioni conoscerà le giovani ragazze Meyer, che fanno parte di una facoltosa famiglia ebrea. Con atteggiamento ambiguo e malizioso, anche loro accenderanno il desiderio di Oberdan. Sul futuro del giovane, però, non ci sono le donne, ma la guerra. Lelio Luttazzi verrà ricordato non solo per la sua musica e per la sua signorilità, ma anche per la sua abilità come scrittore che, ne L'erotismo di Oberdan Baciro, ha dimostrato di possedere.

Einaudi 2012, 163 pagine, 17.00 €.