Recensioni‎ > ‎

L'angelo di neve - Ragnar Jònasson

pubblicato 28 mar 2017, 03:02 da Libreria Italiana Lussemburgo
L’angelo di neve di Ragnar Jonasson ha un titolo evocativo che ben richiama le atmosfere del gelido romanzo. Siamo in Islanda, nel nord sperduto e bianco, dai panorami immensi, dove lo sguardo si perde e viene accecato dalla luce che si infrange sulla neve. Siglufjord è un villaggio di pescatori dove la vita scorre lenta, tranquilla e monotona. Isolani nell’isola, visto che sono collegati al resto del mondo da un tunnel scavato in una montagna, gli abitanti del piccolo paese sono ostici, solo apparentemente trasparenti. E quando Ari, un poliziotto chiamato dalla capitale a risolvere degli strani omicidi, dovrà confrontarsi con loro, riuscirà a fatica a far emergere la verità da una coltre di neve alta metri. Quando il poliziotto arriva lo accoglie infatti una bufera di neve: siamo nel pieno dell’inverno e dalle case la gente esce solo per le incombenze necessarie. In questo paesaggio glaciale due corpi giacciono morti: quello di una donna giovane e bella trovata senza vita in un giardino e quello di un vecchio scrittore che dopo una caduta nel teatro locale non riesce più a respirare. Ma perché l’investigatore indaga su entrambi i casi? Cosa li accomuna? Apparentemente niente anche perché il primo sembra un brutale omicidio visto che la ragazza viene trovata dentro ad una pozza di sangue e l’altra appare una triste e fatale casualità. Ari invece vede un legame e per dimostrarlo dovrà scavare nel cuore duro degli abitanti di Siglufjord e nelle loro durezze. Tra un sole accecante e un buio che dura troppo, L’angelo di neve toglie il respiro, dando vita ad una indimenticabile atmosfera noir. 

Marsilio 2017 - 18,00 €
Comments