Recensioni‎ > ‎

Io vi maledico - Concita De Gregorio

pubblicato 07 feb 2013, 02:04 da Libreria Italiana Lussemburgo
Ecco il ritratto del Paese in cui viviamo – sempre sfocato dalle risse e dalle urla del presente – che si fa piú nitido quando le piccole storie di ciascuno sono cucite insieme in modo da comporre una grande storia corale.
«Io vi maledico» c’è scritto sulla lapide di marmo che un operaio dell’Ilva di Taranto ha voluto mettere per strada, sotto casa sua.
«Io vi maledico», dice la figlia dell’imprenditore che si è ucciso strozzato dall’usura bancaria, la studentessa venuta dalla Puglia e mantenuta da genitori operai che trova chiuse le stanze dei baroni romani, il minatore del Sulcis che voleva fare politica per la sua gente ma non ha trovato posto, la sindaca della Locride minacciata di morte, che vede andare milioni di euro in fumo. 
Sale dalle manifestazioni di piazza, dall’indifferenza offesa degli italiani assenti, una rabbia che è insieme fragilità, impotenza. La rabbia giusta dei giovani indignati che contagia le città di tutto il mondo e quella cieca di chi lancia sassi. La rabbia: che se è una malattia portata dai topi uccide popoli interi, se è un vento rivoluzionario cambia il mondo, se è un fumetto fa divertire i bambini, se la governi ti è amica – insegna Hulk, che di rabbia è verde. Se ti fai governare da lei – in politica come in amore, nella vita di tutti e in quella di ciascuno – hai già perso: l’uomo che ami, le elezioni, la fiducia in chi ti rappresenta o dovrebbe, la fortuna, la vita.

Einaudi 2013, 186 pagine, 16.00 €.