Recensioni‎ > ‎

Il popolo e gli dei - De Rita Galdo

pubblicato 30 mag 2014, 03:13 da Libreria Italiana Lussemburgo

C’è stato un tempo in cui avevamo pensato che la guerra ci avesse uniti, ma ci ha pensato la grande crisi a separarci, a rinchiudere ogni italiano nel suo piccolo guscio. Il popolo e gli dei. Così la Grande Crisi ha separato gli italiani, firmato da Giuseppe De Rita e Antonio Galdo è un atto di accusa rivolto sia all’élite sia al popolo che si è allontanato sempre più dalla strada della sovranità, del rispetto reciproco, della voglia di decidere per sé, di farsi guidare da chi realmente lo rappresenta. In questo processo di decadimento l’élite ne ha approfittato per pensare ai propri affari, per guadagnare privatamente e personalmente dalla politica e dall’economia. E allora il divario tra le due facce della medaglia si fa più grande e non si va da nessuna parte. Perché senza élite il popolo non procede e l'élite senza chi la sceglie non può fare i giusti passi. Una volta c’era il popolo e la politica, ora ci sono i poveri e gli dei, coloro che hanno tutti i privilegi e lottano per mantenerli. La colpa però è anche di chi non ha lottato, del popolo che non si è reso voce sola, unica, in lotta e che non coltiva più sogni. La disillusione, la mancanza di fiducia e di speranza non portano nulla di buono all’Italia, al Paese frantumato. Bisogna invece ricominciare a credere e coltivare il sogno di spezzare questa spirale di privilegi in cui gli dei sono sempre più dei. 
Il popolo e gli dei offre così un interessante spaccato sociale, uno stimolo al cambiamento, essenziale in tempi statici e bui.

Laterza, 103 pagine, €14.00
Comments