Recensioni‎ > ‎

Caffè amaro - Simonetta Agnello Hornby

pubblicato 27 apr 2016, 14:41 da Libreria Italiana Lussemburgo
Nella Sicilia dell'inizio Novecento Simonetta Agnello Hornby ambienta il suo ultimo romanzo, Caffè amaro, così come amara può essere la scelta di sposare un uomo che non si ama. E' quello che accade a Maria, una ragazza di quindici anni dalla bellezza travolgente e suadente. Un giorno un nobile di Agrigento posa i suoi occhi e i suoi desideri su di lei e decide che deve averla, ad ogni costo. Pietro Sala ha trentaquattro anni, è molto più vecchio di Maria, ma ha modi decisi e affascinanti e poi è un barone e quindi può offrire alla giovane una vita decisamente migliore di quella che ha. Maria proviene da una famiglia socialista in cui tutto si deve condividere e si deve lottare per un futuro migliore, ma ha poche possibilità economiche. Dai profondi occhi scuri di Maria e dal suo volto dolce e sensuale arriva un sì alla proposta di matrimonio che Pietro le fa. Lasciare la sua famiglia, il suo paesino e il suo amico Giosué per approdare nella fredda casa dei Sala, dove l'accoglienza non è delle più piacevoli non sarà facile, ma nonostante le differenze e la mancanza di un vero sentimento che li unisce, Maria e Pietro sono felici. I due si lasciano abbracciare dai piacere dell'eros, dal sesso vissuto come necessità di far piacere agli altri e di felicità per se stessi. Tutto coincide con una concezione della vita più aperta, al far valere i doveri e i diritti di una società sicuramente non uguale per tutti. Questo porterà Maria a vedere la vita con occhi diversi, a volere di più e ad incontrare così il vero amore.
Feltrinelli 2016 Euro 18.00
Comments