Recensioni




Stirpe - Marcello Fois

pubblicato 27 feb 2018, 04:28 da Libreria Italiana Lussemburgo

È il 1889, eppure si direbbe l'inizio del mondo. Michele Angelo e Mercede sono poco più che ragazzini quando s'incontrano per la prima volta, ma si riconoscono subito: "lui fabbro e lei donna". Quel rapido sguardo che si scambiano è una promessa silenziosa che li condurrà dritti al matrimonio, e che negli anni verrà rinnovata a ogni nascita. Dopo Pietro e Paolo, i gemelli, arriveranno Gavino, Luigi Ippolito, Marianna... La stirpe dei Chironi s'irrobustisce e Nuoro la segue di pari passo. Le strade cambiano nome e si allargano, accanto alla pesa per il bestiame spuntano negozi e locali alla moda, e se circolano più soldi nascono anche bisogni che prima non c'erano. Come i balconi da ingentilire lungo via Majore, ad esempio, e Michele Angelo che sa del ferro come nessun altro, ed è capace di toccare la materia con lo sguardo prima di plasmarla si spezza la schiena in officina per garantire prosperità alla sua famiglia. Ma "la felicità non piace a nessuno che non ce l'abbia", e infatti quei Chironi venuti su dal nulla, così fortunati, sono sulla bocca di tutti. È l'inizio della stagione terribile: i gemelli vengono trovati morti, mentre la Prima guerra mondiale raggiunge anche Nuoro, e bussa alla porta di casa Chironi proprio quando Gavino e Luigi Ippolito - taciturno e riflessivo il primo, deciso e appassionato il secondo - sono in età per essere arruolati... 

Einaudi 2015 - euro 13,00

Nel tempo di mezzo - Marcello Fois

pubblicato 27 feb 2018, 04:21 da Libreria Italiana Lussemburgo

Vincenzo Chironi mette piede per la prima volta sull'Isola di Sardegna - "una zattera in mezzo al Mediterraneo" - nel 1943, l'anno della fame e della malaria. Con sé ha solo un vecchio documento che certifica la sua data di nascita e il suo nome, ma per scoprire chi è lui veramente dovrà intraprendere un viaggio ancora più faticoso di quello affrontato col piroscafo che l'ha condotto fin li. A Nuoro trova ad attenderlo il nonno, Michele Angelo maestro del ferro, che gli farà da padre e da complice in parti uguali -, e soprattutto sua zia Marianna, che vede nell'inaspettato arrivo del nipote l'opportunità per riscattare un'esistenza puntellata dalla malasorte. Anni dopo, quando ormai a Nuoro la presenza di Vincenzo Chironi sembra scontata, naturale come il mare e le rocce, la forza del sangue torna a far sentire il suo richiamo. Perché quando Vincenzo conosce Cecilia, che ha "gli occhi di un colore che non si può spiegare", innamorarsi di lei gli sembra l'unica cosa possibile. Anche se è promessa sposa di Nicola, con cui lui è mezzo parente... Se è vero che "la disobbedienza chiama il castigo", forse è anche vero che quell'amore è l'ultimo anello di una catena destinata a non aver fine. Dopo l'epopea di "Stirpe", Marcello Fois - con una lingua capace di abbracciare l'alto e il basso, e di potenziare lo scorrere del tempo - dipinge un mondo in cui i paesaggi sono vivi come i personaggi che li abitano. 

Einaudi 2012 - euro 12,00

Del dirsi addio - Marcello Fois

pubblicato 27 feb 2018, 04:11 da Libreria Italiana Lussemburgo

Michele è un bambino con incredibili capacità di apprendimento e seri problemi a relazionarsi con gli altri ed è sulla sua scomparsa che il commissario Striggio deve indagare. Le ricerche partono dall'area di sosta di Bolzano da cui il piccolo è svanito e si intersecano con il complicato periodo vissuto dal commissario. Striggio deve, infatti, destreggiarsi tra Leo, stanco di vedere il loro amore nascosto, e il padre in arrivo da Bologna con una notizia inaspettata. “Del dirsi addio” non segue le tradizionali tappe del poliziesco e Fois dona ai suoi personaggi un realismo unico. Bugie, amori, odi e relazioni personali diventano molto di più che una sotto trama in questo noir intenso e coinvolgente. Un thriller magnifico dove la soluzione del mistero e di tutti i conflitti sarà svelata solo nelle battute finali.

Einaudi 2017 - euro 17,00

Sangue giusto - Francesca Melandri

pubblicato 18 gen 2018, 04:41 da Libreria Italiana Lussemburgo   [ aggiornato in data 18 gen 2018, 04:48 ]

Roma, agosto 2010. In un vecchio palazzo senza ascensore, Ilaria sale con fatica i sei piani che la separano dal suo appartamento. Vorrebbe solo chiudersi in casa, dimenticare il traffico e l'afa, ma ad attenderla in cima trova una sorpresa: un ragazzo con la pelle nera e le gambe lunghe, che le mostra un passaporto. «Mi chiamo Shimeta Ietmgeta Attilaprofeti» le dice, «e tu sei mia zia». All'inizio Ilaria pensa che sia uno scherzo. Di Attila Profeti lei ne conosce solo uno: è il soprannome di suo padre Attilio, un uomo che di segreti ne ha avuti sempre tanti, e che ora è troppo vecchio per rivelarli. Shimeta dice di essere il nipote di Attilio e della donna con cui è stato durante l'occupazione italiana in Etiopia. E se fosse la verità? E cosi che Ilaria comincia a dubitare: quante cose, di suo padre, deve ancora scoprire? Le risposte che cerca sono nel passato di tutti noi: di un'Italia che rimuove i ricordi per non affrontarli, che sopravvive sempre senza turbarsi mai, un Paese alla deriva diventato, suo malgrado, il centro dell'Europa delle grandi migrazioni. 
Sangue giusto di Francesca Melandri è una storia che traccia un filo tra le colonizzazioni del secolo scorso e le migrazioni attuali. Ilaria vive all’ oscuro di queste storie, la sua vita procede come in un binario che va a tutta velocità e in cui tutto scorre rapido e senza mai avere la possibilità di fermarsi a guardare. Il suo lavoro d’insegnante è precario: è un mestiere che lei ama tantissimo, ma che non le garantisce nessun tipo di sicurezza. Della vita sentimentale ormai invece non ricorda più traccia perché Ilaria ha collezionato così tanti uomini sbagliati da non volere più abbandonarsi a nessuno. Rimane la famiglia, ma anche quella non le regala certo gioie perché il padre Attilio, da tutti chiamato Attila, non ha mai avuto un rapporto tenero con lei e Ilaria ha sempre sospettato che nascondesse qualcosa. Quel sospetto diventa certezza il giorno che alla sua porta bussa un ragazzo di colore che dice di essere il nipote di Attilio e delle donne che lui amò durante l’occupazione fascista in Etiopia. Per Ilaria è una doccia fredda: non ha mai saputo di avere un fratello. Perché il padre le ha tenuto nascosta questa storia per tutti questi anni? L’unica cosa da fare è indagare e capire se il ragazzo che ha davanti le sta raccontando la verità. Inizia così un viaggio verso l’Etiopia, verso una guerra crudele in cui gli italiani non furono sicuramente ricordati come degni combattenti, ma solamente come terribili invasori. Ma adesso qual è il filo che la collega al presente? In Il sangue giusto di Francesca Melandri il passato è tutto lì davanti ai nostri occhi e fino a quando non ci faremo i conti non riusciremo a liberarcene. 

Rizzoli 2017 - euro 20,00



























































































































































































































































































































































































































































L'uomo del labirinto - Donato Carrisi

pubblicato 18 gen 2018, 04:35 da Libreria Italiana Lussemburgo

L’ondata di caldo anomala travolge ogni cosa, costringendo tutti a invertire i ritmi di vita: soltanto durante le ore di buio è possibile lavorare, muoversi, sopravvivere. Ed è proprio nel cuore della notte che Samantha riemerge dalle tenebre che l’avevano inghiottita.
Tredicenne rapita e a lungo tenuta prigioniera, Sam ora è improvvisamente libera e, traumatizzata e ferita, è ricoverata in una stanza d’ospedale. Accanto a lei, il dottor Green, un profiler fuori dal comune. Green infatti non va a caccia di mostri nel mondo esterno, bensì nella mente delle vittime. Perché è dentro i ricordi di Sam che si celano gli indizi in grado di condurre alla cattura del suo carceriere: l’Uomo del Labirinto. Ma il dottor Green non è l’unico a inseguire il mostro. 
Là fuori c’è anche Bruno Genko, un investigatore privato con un insospettabile talento. Quello di Samantha potrebbe essere l’ultimo caso di cui Bruno si occupa, perché non gli resta molto da vivere. Anzi: il suo tempo è già scaduto, e ogni giorno che passa Bruno si domanda quale sia il senso di quella sua vita regalata, o forse soltanto presa a prestito. 
Ma uno scopo c’è: risolvere un ultimo mistero. La scomparsa di Samantha Andretti è un suo vecchio caso, un incarico che Bruno non ha mai portato a termine… E questa è l’occasione di rimediare. Nonostante sia trascorso tanto tempo. Perché quello che Samantha non sa è che il suo rapimento non è avvenuto pochi mesi prima, come lei crede.
L’Uomo del Labirinto l’ha tenuta prigioniera per quindici lunghi anni.
E ora è scomparso. 

Longanesi 2017 - euro 19,00

Ama il tuo sogno - Yvan Sagnet

pubblicato 10 gen 2018, 04:07 da Libreria Italiana Lussemburgo

In questo libro c'è la storia vera di Yvan Sagnet, la storia di un ventenne che sogna verità e giustizia e lotta per ottenerla. Yvan arriva in Italia per studiare nel 2007. Ha sempre sognato il nostro paese per via del calcio, la moda, il design. Aveva cinque anni quando i leoni del Camerun sorpresero gli appassionati ai mondiali italiani del 1990; ed è allora che Yvan conosce l'Italia. Yvan studia la lingua, gli usi e i costumi, si appassiona alla storia, la politica e la società, finché realizza il suo sogno di vivere in Italia superando l'esame di lingua e vincendo una borsa di studio al Politecnico di Torino. Non un caso, la città della sua Juventus, la squadra che tifa sin da bambino. Durante l'estate del 2011 per guadagnarsi da vivere e mantenersi gli studi raggiungerà Nardo in Puglia. Nella masseria salentina di Boncuri si raccolgono i braccianti agricoli per la stagione del pomodoro. Lì Yvan scopre il mondo dei caporali che chiedono ai braccianti i documenti originali per lavorare nei campi, li ricattano e li fanno lavorare sino a sedici ore al giorno sotto il sole senza una paga adeguata. Yvan conosce lo sfruttamento, i diritti calpestati e la lotta per un materasso. Fino a quando un giorno i caporali chiedono di intensificare il lavoro, ma Yvan e altri braccianti non ci stanno e organizzano il primo grande sciopero autonomo di braccianti stranieri in Italia. La rivolta avrà eco nazionale e Yvan comincerà una lotta di libertà e giustizia che ancora oggi persegue. Leggendo Ama il tuo sogno, si possono ritrovare le ragioni di una battaglia che non ha età, né tempo. Una battaglia che non si è ancora conclusa. 

Fandango 2017 - euro 15,00

Ghetto Italia - Yvan Sagnet e Leonardo Plamisano

pubblicato 10 gen 2018, 04:03 da Libreria Italiana Lussemburgo

Dalla Puglia al Piemonte, passando per la Lucania, il Lazio e la Campania, i braccianti immigrati sono sempre più spesso vittime di un caporalato feroce, che li rinchiude in veri e propri "ghetti a pagamento", in cui tutto ha un prezzo e niente è dato per scontato, nemmeno un medico in caso di bisogno. Questa brutale realtà la conoscono in pochi, taciuta dalle istituzioni pubbliche locali, dal sistema agricolo italiano, dalla piccola e media distribuzione e dalle multinazionali dell'industria agroalimentare, che si servono di questa forma coatta di sfruttamento imponendo un ribasso eccessivo dei prezzi dei prodotti. Si tratta di un complesso sistema criminale in cui a rimetterci sono solo i braccianti, costretti a pagare cifre impensabili per vivere stipati in baraccopoli insalubri, lontano da qualsiasi forma di civiltà. Un reportage fatto di storie raccontate da chi vive in questa situazione al limite della sopportazione fisica e psicologica, un incredibile viaggio nei nuovi ghetti disseminati per l'Italia da nord a sud. La mappa di un paese ridisegnato da razzismo, ingiustizia e indifferenza. "Ghetto Italia" è questo e molto altro ancora. 

Fandango 2015 - euro 15,00

Ritorno all'ebola - Giuseppe Collot

pubblicato 14 dic 2017, 03:07 da Libreria Italiana Lussemburgo

Caterina, Alfred e Robert. I tre protagonisti di questo romanzo nascono a distanza di pochi anni l'uno dall'altro, in tre diversi punti di un'Europa che stava uscendo martoriata dal secondo conflitto mondiale. La prima, nata in un paesino delle Dolomiti, decide di farsi suora per poter continuare gli studi; il secondo, originario del Granducato del Lussemburgo, sceglie il sacerdozio, pur sottoponendo la propria fede ai continui dubbi della ragione. L'ultimo, il più giovane, si dedica alla professione di medico, abbandonando l'azienda agricola di famiglia tra le colline della Lorena francese per aiutare i più bisognosi di cure. Questi tre cammini, molto differenti fra loro, finiscono per intrecciarsi proprio lì dove ce n'è più bisogno: nell'Africa abbandonata alle epidemie e alla povertà che, complice lo sfruttamento neocolonialista, avrebbe imperversato ancora per lunghi anni. Sullo sfondo di un'Europa divisa tra istanze di rinnovamento e insurrezioni di piazza, la storia dei tre personaggi si dipana come in un grande puzzle, in cui ogni pezzo trova infine il suo posto per dar vita a un disegno più grande. 

Albatros 2017 - euro 17,90

Il legno storto della giustizia - Gherardo Colombo e Gustavo Zagrebelsky

pubblicato 9 dic 2017, 03:32 da Libreria Italiana Lussemburgo

La corruzione è una piaga che infetta gran parte della vita sociale e politica del nostro paese, in misura non solo eticamente inaccettabile ma anche economicamente insostenibile. Proprio all'Italia sembra infatti spettare un non onorevole posto tra le nazioni più corrotte al mondo: ovunque si formino aggregati di potere, lì alligna il rischio del malaffare. Prendendo le mosse da questi presupposti drammatici che troppo spesso consideriamo immutabili e ai quali sembriamo quasi assuefatti, Gherardo Colombo e Gustavo Zagrebelsky si confrontano con schiettezza e reciproco rispetto discutendo da punti di vista diversi e complementari il senso ultimo del nostro vivere in comunità. Con la consapevolezza che la democrazia può rappresentare un ambiente favorevole alla diffusione della corruzione e scavando nella nostra natura e nel desiderio tipicamente umano di raggiungere fama, potere e ricchezza anche a costo di sopraffare il prossimo, i due autori discutono di letteratura e filosofia del diritto, spaziano dalla storia all'attualità più recente, in un dialogo che sarà motivo di riflessione per quanti ancora credono nell'onestà, nella correttezza e nei principi della nostra Costituzione. 

Garzanti 2017 - euro 16,00

L'anno del ferro e del fuoco - Ezio Mauro

pubblicato 9 dic 2017, 03:29 da Libreria Italiana Lussemburgo

Come raccontare un periodo storico se non attraversandolo nei suoi luoghi principali, teatri di battaglie e di svolte epocali? Lo fa Ezio Mauro con "L'anno del ferro e del fuoco. Cronache di una rivoluzione". Il suo straordinario piglio giornalistico unito a quello narrativo vivono nel romanzo che racconta la Rivoluzione russa a cento anni dal suo compimento. I fatti che sconvolsero il mondo e lo portarono verso un’altra direzione sono qui narrati attraverso le strade, i luoghi, i caffè, i palazzi e le statue di San Pietroburgo, città dove quella rivoluzione è avvenuta. Il libro sembra un racconto di viaggio, una mappa della storia e della rivoluzione che non ha eguali. Cronache di una rivoluzione si presenta così come un rivoluzionario omaggio ai fatti e ai personaggi che hanno animato, nel bene e nel male, quegli anni cruciali. Conosciamo così il personaggio di Rasputin e le leggende che sono sempre aleggiate intorno a lui e al suo strano rapporto con lo zar Nikolaij II. Erano gli ultimi sorprendenti urli di una piccola parte di popolazione ricca e sfrenata che viveva di lusso e di spreco mentre il resto del popolo moriva di fame. La storia ha così chiamato vendetta e lo ha fatto attraverso una rivoluzione sanguinosa e feroce che ha trasformato non solo il volto della ex Russia, ma del mondo intero. "L'anno del ferro e del fuoco. Cronache di una rivoluzione" di Ezio Mauro ci offre così un nuovo punto di vista e scorci di storia e di paesaggio insospettabili. 

Feltrinelli 2017 - euro 18,00

1-10 of 529