Recensioni

Ultime recensioni

  • Harraga, In viaggio bruciando le frontiere- Giulio Piscitelli Harraga è il termine con cui, in dialetto marocchino e algerino, si definisce il migrante che viaggia senza documenti, che "brucia le frontiere". Giulio Piscitelli ha seguito le rotte dei ...
    Inviato in data 17 feb 2017, 05:31 da Libreria Italiana Lussemburgo
  • Stranieri alle porte - Zygmunt Bauman È dall'inizio della modernità che alla porta dei popoli bussano profughi in fuga dalla bestialità delle guerre e dei dispotismi o dalla ferocia di una vita la cui unica ...
    Inviato in data 17 feb 2017, 05:00 da Libreria Italiana Lussemburgo
  • Ritratti e immagini - Alberto Arbasino Diffidare dei cartelli segnaletici: con Arbasino è la prima regola da osservare, perché ciascuno di questi ritratti "si morula" - direbbe Gadda - in infiniti altri ritratti, in altre imprevedibili storie. E ...
    Inviato in data 17 feb 2017, 04:48 da Libreria Italiana Lussemburgo
  • Scoop - Enrico Franceschini Spedito per un equivoco in un paese del Centro America dilaniato dalla guerra civile, il giovane cronista Andrea Muratori è in preda all'eccitazione e allo sgomento: potrebbe essere arrivata ...
    Inviato in data 17 feb 2017, 04:43 da Libreria Italiana Lussemburgo
  • Una scacchiera nel cervello - Alain Gillot Quando sua sorella sbarca a Sedan e gli affida il figlio di tredici anni per qualche settimana, Vincent si sente messo con le spalle al muro. Uomo solitario che ha ...
    Inviato in data 17 feb 2017, 04:39 da Libreria Italiana Lussemburgo
  • La lingua batte dove il dente duole - Andrea Camilleri e Tullio De Mauro Cos'è la lingua, e cos'è il dialetto? Cosa esprimiamo con l'una e cosa esprimiamo con l'altro? In un susseguirsi di riflessioni, aneddoti e memorie, in cui ...
    Inviato in data 17 feb 2017, 04:34 da Libreria Italiana Lussemburgo
  • Qualcosa - Chiara Gamberale La Principessa Qualcosa di Troppo, fin dalla nascita, rivela di possedere una meravigliosa, ma pericolosa caratteristica: non ha limiti, è esagerata in tutto quello che fa. Si muove troppo, piange ...
    Inviato in data 14 feb 2017, 08:59 da Libreria Italiana Lussemburgo
  • Ragione e sentimento - Stefania Bertola La morte improvvisa di Gianandrea Cerrato, valente avvocato penalista, oltre a privare una moglie del marito e tre figlie del padre, ha delle conseguenze del tutto inaspettate. Da un giorno ...
    Inviato in data 14 feb 2017, 09:00 da Libreria Italiana Lussemburgo
  • La mossa del cavallo - Andrea Camilleri Andrea Camilleri con La mossa del cavallo torna nella sua Sicilia senza il Commissario Montalbano, ma con un caso mafioso tutto da risolvere. Nel settembre e ottobre del 1877 si ...
    Inviato in data 14 feb 2017, 08:34 da Libreria Italiana Lussemburgo
  • La curiosità non invecchia - Massimo Ammaniti «Forse si invecchia veramente solo quando non ci si stupisce più, quando si dà tutto per scontato e la vita sembra non riservare più sorprese. Ma si può essere vecchi ...
    Inviato in data 03 feb 2017, 06:06 da Libreria Italiana Lussemburgo
Post visualizzati 1 - 10 di 447. Visualizza altro »

Elenco delle recensioni



Harraga, In viaggio bruciando le frontiere- Giulio Piscitelli

pubblicato 17 feb 2017, 05:31 da Libreria Italiana Lussemburgo

Harraga è il termine con cui, in dialetto marocchino e algerino, si definisce il migrante che viaggia senza documenti, che "brucia le frontiere". Giulio Piscitelli ha seguito le rotte dei migranti che provano a entrare in Europa. Lo ha fatto nel Mediterraneo orientale e in quello occidentale, imbarcandosi in Tunisia per raggiungere le coste italiane, documentando l'enclave spagnola di Metilla, i viaggi verso Lampedusa, i profughi del Corno d'Africa che attraversano il deserto, i siriani, gli iracheni, gli afghani che approdano sulle isole greche nella speranza di raggiungere l'Europa. Frutto di un lungo progetto iniziato nel 2010, "Harraga" è una testimonianza unica, in immagini e parole, del periodo storico che stiamo attraversando; un archivio visivo che lascia un segno indelebile nella mente di chi guarda. Con un testo introduttivo di Alessandro Leogrande e le mappe disegnate per questo lavoro dal cartografo Philippe Rekacewicz.

Contrasto 2017 - 39,00 €

Stranieri alle porte - Zygmunt Bauman

pubblicato 17 feb 2017, 05:00 da Libreria Italiana Lussemburgo

È dall'inizio della modernità che alla porta dei popoli bussano profughi in fuga dalla bestialità delle guerre e dei dispotismi o dalla ferocia di una vita la cui unica prospettiva è la fame. Per chi vive dietro quella porta i profughi sono sempre stati stranieri. Solo che oggi è stato scatenato un vero e proprio attacco di 'panico morale', il timore che un qualche male minacci il benessere della società. Quei nomadi - non per scelta, ma per il verdetto di un destino inclemente - ci ricordano in modo irritante, esasperante e raccapricciante quanto vulnerabile sia la nostra posizione nella società e fragile il nostro benessere. Dovremmo soffermarci e intendere le parole di papa Francesco: "Cancelliamo ciò che di Erode è rimasto anche nel nostro cuore; domandiamo al Signore la grazia di piangere sulla nostra indifferenza, di piangere sulla crudeltà che c'è nel mondo, in noi, e chiediamoci: chi ha pianto? chi ha pianto oggi nel mondo?".

i Robinson 2016 - 14,00 €

Ritratti e immagini - Alberto Arbasino

pubblicato 17 feb 2017, 04:48 da Libreria Italiana Lussemburgo

Diffidare dei cartelli segnaletici: con Arbasino è la prima regola da osservare, perché ciascuno di questi ritratti "si morula" - direbbe Gadda - in infiniti altri ritratti, in altre imprevedibili storie. E quel che succede, alla lettera A, con Harold Acton, che fa risorgere la Firenze soavemente cosmopolita tra le due guerre, un crocevia dove si muovono Bernard Berenson, Vernon Lee, Aldous Huxley, D.H. Lawrence, Ronald Firbank, Norman Douglas, Edith Sitwell. O, alla lettera N, con il figlio di Vita Sackville-West e Harold Nicolson, Nigel: qui verremo addirittura inghiottiti da un dramma - qualcosa di simile a "un delirio dei Fratelli Marx sull'Orient Express" - che sconvolge quattro coniugi, otto suoceri e "parecchie zie cattive", con innumerevoli traversate della Manica, «nelle due direzioni, e sempre con un tempo orribile». Ritratti doppi, insomma, e molto di più: scintillanti 'trascritture' di opere musicali e teatrali (non perdetevi il Barbablù di Béla Bartók, "un impotente che si diletta nel collezionismo di ninnoli Sadik e soprammobili Diabolik", né la Carmen di Brook, dove Escamillo è un barbiere lezioso con pronuncia "gotico-pizzaiola"), e di mirabolanti luoghi, come le residenze di Ludwig II di Baviera, che neppure un "tycoon americano degli anni favolosi" avrebbe saputo concepire. Senza contare gli ormai 'mitici' ritratti dal vivo (la cinese Ding Ling, ad esempio, a casa della quale c'è un'aria "come fra Pupella Maggio e Paola Borboni"), le conversazioni 'à bàtons rompus', gli affondi critici che valgono un intero libro e le scorribande fra i 'santini' di una letteratura ahimè sfornita "di eros e di esprit e di senso della battuta": Manzoni, Parini, Pascoli - e De Amicis, che ritroviamo a Costantinopoli, in un bagno turco, torturato da due mulatti: "Cioè, praticamente, ecco Al Pacino nel film Cruising".

Adelphi 2016 - 23,00 €

Scoop - Enrico Franceschini

pubblicato 17 feb 2017, 04:43 da Libreria Italiana Lussemburgo

Spedito per un equivoco in un paese del Centro America dilaniato dalla guerra civile, il giovane cronista Andrea Muratori è in preda all'eccitazione e allo sgomento: potrebbe essere arrivata la grande occasione di realizzare l'ideale romantico dell'inviato speciale (figura a metà tra l'agente segreto, il playboy e l'avventuriero) o di dimostrarsi tragicamente non all'altezza del compito. Una volta ai Tropici, fra veterani della categoria che passano le giornate ai bordi della piscina di un albergo di lusso, preoccupati soltanto di fare la cresta alla nota spese, spassarsela e spararle più grosse della concorrenza, il suo amore per il giornalismo cede prima alla disillusione e quindi a un irrefrenabile disgusto. Ma all'improvviso la commedia a cui gli sembra di assistere, tra dittatori da operetta, guerriglieri campesinos, invisibili squadre della morte e puttane comprensive (anche con lui), diventa un dramma autentico: e allora il giovane reporter comincia a riconoscere in quei cialtroni dei suoi colleghi e nella loro apparentemente sconclusionata professione l'indizio di qualcosa di eroico. Uno scoop potrà anche essere inventato, ma il giornalismo rimane, come gli insegna un vecchio del mestiere, "il più grande divertimento che puoi avere con i calzoni addosso". Un romanzo sulla carta stampata prima della rivoluzione digitale, sui corrispondenti di guerra prima dello smartphone e sull'eterno rito di passaggio dalla giovinezza all'età adulta.

Feltrinelli 2017 - 16,00 €

Una scacchiera nel cervello - Alain Gillot

pubblicato 17 feb 2017, 04:38 da Libreria Italiana Lussemburgo   [ aggiornato in data 17 feb 2017, 04:39 ]

Quando sua sorella sbarca a Sedan e gli affida il figlio di tredici anni per qualche settimana, Vincent si sente messo con le spalle al muro. Uomo solitario che ha rotto da tempo i ponti con la famiglia d'origine, non ama troppo i ragazzini, anche se di mestiere fa l'allenatore per la locale squadra di calcio giovanile. Come rapportarsi con quel nipote che rifugge ogni contatto e passa la notte a giocare a scacchi? E come reagirà Léonard nei confronti di quello zio sconosciuto, lui che al minimo gesto o parola imprevista va nel panico più assoluto? "Una scacchiera nel cervello" è la storia di un uomo che non si aspetta più niente dalla vita e le cui certezze, in seguito al miracolo di un incontro, stanno per andare in pezzi. Nel tentativo di tirare fuori dal suo isolamento un ragazzino che si rivela affetto dalla sindrome di Asperger, anche Vincent potrebbe aprirsi di nuovo al mondo e superare le ferite familiari.

Edizioni e/o 2016 - 16,00 €

La lingua batte dove il dente duole - Andrea Camilleri e Tullio De Mauro

pubblicato 17 feb 2017, 04:34 da Libreria Italiana Lussemburgo

Cos'è la lingua, e cos'è il dialetto? Cosa esprimiamo con l'una e cosa esprimiamo con l'altro? In un susseguirsi di riflessioni, aneddoti e memorie, in cui trovano posto Manzoni e Gassman, Pasolini e il commissario Montalbano, Benigni e Pirandello, oscuri maestri elementari e professori di educazione fisica, poesia, romanzo e teatro, Andrea Camilleri e Tullio De Mauro raccontano come la lingua esprima chi siamo veramente. E una profonda, giusta, verità: in Italia abbiamo tante lingue.




Edizioni Laterza 2014 - 8,50 €

Qualcosa - Chiara Gamberale

pubblicato 14 feb 2017, 08:59 da Libreria Italiana Lussemburgo

La Principessa Qualcosa di Troppo, fin dalla nascita, rivela di possedere una meravigliosa, ma pericolosa caratteristica: non ha limiti, è esagerata in tutto quello che fa. Si muove troppo, piange troppo, ride troppo e, soprattutto, vuole troppo. Ma, quando sua madre muore, la Principessa si ritrova "un buco al posto del cuore". Smarrita, prende a vagare per il regno e incontra così il Cavalier Niente che vive da solo in cima a una collina e passa tutto il giorno a "non-fare qualcosa di importante". Grazie a lui, anche la Principessa scopre il valore del "non-fare". E del silenzio, dell'immaginazione, della noia: tutto quello da cui era sempre fuggita. Tanto che, dopo avere fatto amicizia con il Cavalier Niente, Qualcosa di Troppo gli si ribella e pur di non fermarsi e di non sentire l'insopportabile "nostalgia di Niente" che la perseguita vive tante, troppe avventure... Fino ad arrivare in un misterioso tempio color pistacchio e capire che "è il puro fatto di stare al mondo la vera avventura". Chiara Gamberale si concentra sul rischio che corriamo a volere riempire ossessivamente le nostre vite, anziché fare i conti con chi siamo e che cosa vogliamo. Grazie a un tono sognante e divertito, e al tocco surreale delle illustrazioni di Tuono Pettinato, "Qualcosa" ci aiuta così a difenderci dal Troppo. Ma, soprattutto, ci invita a fare pace col Niente.

Longanesi 2017 - 16,90 €

Ragione e sentimento - Stefania Bertola

pubblicato 14 feb 2017, 08:52 da Libreria Italiana Lussemburgo   [ aggiornato in data 14 feb 2017, 09:00 ]

La morte improvvisa di Gianandrea Cerrato, valente avvocato penalista, oltre a privare una moglie del marito e tre figlie del padre, ha delle conseguenze del tutto inaspettate. Da un giorno all'altro le quattro donne si trovano a dover riorganizzare la loro vita. Intorno a loro si muove il mondo, con le sorprese, l'allegria, l'inganno. La ragione e il sentimento. Perché quella è una delle grandi battaglie che ci tocca combattere nella vita. Non proprio a tutti, perché esistono esseri fortunati senza ragione, o senza sentimento. Ma la maggior parte di noi ne ha un po' dell'una e un po' dell'altro, e non sempre riesce a farli coesistere pacificamente. Quindi si lotta: si lotta da sempre e si lotterà per sempre, e per questo motivo tra tutti i romanzi di Jane Austen "Ragione e sentimento" è quello più adatto a essere periodicamente riscritto, scagliandolo dentro il tempo e i secoli che passano. 
La scrittrice di romanzi al femminile che rivisita i grandi classici, da Dickens alla Austen appunto, si diverte ad invertire un po’ ai ruoli, a riportarli ad una contemporanea quotidianità in cui nulla è più come appare. Con la sua consueta ironia, Bertola si garantisce ancora una volta un pubblico di lettori abituati alla sua scrittura insolita e originale. In Ragione e sentimento sullo sfondo di Torino si muove un mondo al femminile in cui i maschi hanno un ruolo fondamentale, ma ruotano solo in torno alla storia, perché il mondo della Bertola vede donna e la esalta, la sottolinea, la porta finalmente alla luce, proprio come avrebbe voluto fare la rivoluzionaria Jane. 

Einaudi 2017 - 17.50 € 

La mossa del cavallo - Andrea Camilleri

pubblicato 14 feb 2017, 08:34 da Libreria Italiana Lussemburgo

Andrea Camilleri con La mossa del cavallo torna nella sua Sicilia senza il Commissario Montalbano, ma con un caso mafioso tutto da risolvere. Nel settembre e ottobre del 1877 si svolge la farsa tragica del ragioniere Giovanni Bovara, nato appunto a Vigata, ma ormai genovese d’adozione. L’uomo viene mandato a Montelusa per indagare e riferire a Roma su sospetti episodi di corruzione. Qui inizia però l’epopea del povero ragioniere che tenterà di fare seriamente il suo lavoro, cercando di respingere ogni tentativo di piccola e grande corruzione contrastando l’ambiente mafioso e omertoso siciliano dell’epoca, aiutato in questo dalla sua educazione ormai genovese. Ma dovrà prima o poi confrontarsi con le sue origini e lo farà quando il prete “parrino” donnaiolo e corrotto Artemio Carnazza gli morirà tra le braccia rivelandogli che il suo omicida è il cugino con cui è in contrasto da tanti anni. L’ispettore corre così ad avvertire i carabinieri e lungo la strada racconta a tutti l’accaduto e la denuncia del morto. Peccato che sarà proprio lui invece ad essere accusato e il processo a suo carico sembra portare inevitabilmente alla condanna, ma Bovara capisce la situazione e decide di fare la mossa del cavallo: cioè scavalcherà la sua stessa mentalità, incominciando a parlare e a ragionare in siciliano, recuperando il dialetto della sua infanzia e compenetrandosi così nel modo di agire di chi l’accusa, ribaltando la realtà a suo favore e salvandosi. La mossa del cavallo racconta una storia in parte vera e fa un ritratto della società siciliana dell’epoca con il linguaggio attraente e perfetto di Camilleri. 


Sellerio 2017 - 14.00 €

La curiosità non invecchia - Massimo Ammaniti

pubblicato 03 feb 2017, 06:06 da Libreria Italiana Lussemburgo

«Forse si invecchia veramente solo quando non ci si stupisce più, quando si dà tutto per scontato e la vita sembra non riservare più sorprese. Ma si può essere vecchi e mantenere il gusto della conoscenza e sapersi ancora meravigliare degli insoliti colori di un tramonto, di un fiore che si schiude o di una bambina che ti sorride con aria divertita.» Il nuovo libro di Massimo Ammaniti è una riflessione sulla vecchiaia, stimolata anche dalle testimonianze di ottantenni e novantenni protagonisti della vita culturale e politica del nostro paese (come Andrea Camilleri, Raffaele La Capria, Aldo Masullo, Mario Pirani, Alfredo Reichlin, Luciana Castellina, Angela Levi Bianchini) che ora raccontano di come e quanto è cambiato il loro modo di vivere i sentimenti e le esperienze propri della vita di ogni essere umano: la famiglia, l'amore, l'amicizia, il senso del tempo, i sogni, il desiderio, i ricordi, i lutti. Ammaniti ci mostra che non lasciarsi sopraffare dalla rabbia e dal rancore, non ripiegarsi su se stessi, ma continuare a coltivare affetti, interessi e passioni, a rimanere agganciati al presente e a fare progetti per il futuro, magari condividendo in modo partecipe quelli di figli e nipoti, è il segreto per far sì che la vecchiaia non corrisponda al tetro stereotipo di periodo di inquietudine e sconforto, di abulia e rassegnazione, insomma di vuota attesa della morte. La dimensione anagrafica ed esistenziale della vecchiaia ritrova la sua verità, quella di una stagione indubbiamente difficile, irta di insidie fisiche e psicologiche, di paure e di perdite, ma che, se affrontata accettando la propria condizione senza risentimento né eccessivi rimpianti, e con la lucidità dovuta a una maggiore consapevolezza di sé e a un minor coinvolgimento emotivo nelle vicende del mondo, può rivelarsi una fase di straordinario arricchimento interiore e affettivo. 

Mondadori 2017 - 17,00 €

1-10 of 447